Dott.ssa Emanuela Iezzi Psicologa -
 


Il mio approccio è quello Umanistico Integrato.
Il termine “Umanistico” sta a significare che al centro del mio intervento c’è la relazione interpersonale, ovvero l’incontro con l’altra persona: l'obiettivo è la creazione di un rapporto genuino tra terapeuta e cliente, autentico, rispettoso, ugualitario.
Il termine “Integrato” vuol dire che utilizzo differenti tecniche derivanti da approcci diversi.
In particolar modo utilizzo tecniche Gestaltiche, Cognitivo-Comportamentali, Psico-Corporee e Analisi Transazionale. L’utilizzo di differenti tecniche mi permette di aiutare nel modo più appropriato coloro che vengono a chiedermi aiuto. Questo perché ciascuno di noi è unico e differente da qualsiasi altra persona: non si può ridurre la consulenza ad una singola categoria di tecniche perché la natura umana è complessa, occorre quindi tener conto di emozioni, pensieri e comportamenti che insieme danno forma all'unicità di ognuno.
Il mio stile è accogliente, empatico, interattivo e pratico. L’obiettivo centrale è che tu possa portare dei miglioramenti nella tua vita il più velocemente possibile. Insieme potremo scoprire quali sono i tuoi bisogni, le tue risorse e cambiare le condizioni che ti hanno portato a chiedere il mio aiuto.
Da me potrai aspettarti:
-Un luogo confortevole
-Rispetto
-Empatia
-Collaborazione per ottenere i tuoi obiettivi
-Una relazione interattiva
-Una comunicazione chiara

 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Psicoterapia della Gestalt
 
Approccio appartenente al modello Umanistico-Esistenziale, i principi che la contraddistinguono sono i seguenti:
  • l’individuo e l’ambiente interagiscono; il disagio psicologico assume perciò un significato di adattamento "creativo" in risposta all’ambiente in cui si è sviluppato nel passato, ma che, nel presente, può non aver più la stessa utilità.
  • è importante considerare l'intera esperienza di vita di una persona: fisica, psicologica, intellettuale, emotiva, relazionale e spirituale.
  • è importante osservare e verificare la consapevolezza del processo dei pensieri, sentimenti e azioni di un individuo, prestando maggiore attenzione al “cosa” e al “come”, piuttosto che al “perché” di un'azione o di un comportamento. La consapevolezza del come qualcosa avviene, infatti, conduce più facilmente alla possibilità di compiere un cambiamento genuino e responsabile.
  • la relazione terapeutica rappresenta il "laboratorio di ricerca" ideale in cui un cliente può scoprire, osservare e integrare alcuni aspetti della sua personalità, sulla base dell’esperienza diretta con il terapeuta per il quale è più importante l’esperienza di un comportamento che l’interpretazione di questo.
  • l'importanza dello stare nel "qui ed ora".
  • ogni individuo ha come meta quella dell'autorealizzazione individuale, intesa come il divenire ciò che si è piuttosto che quello che pensano dovrebbero essere: una persona quindi autonoma e psicologicamente stabile.
 
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint